Taken

Ruggero si siede per terra, con una mano appoggiata dietro per reggere il peso del busto e l’altra con il bicchiere di plastica marrone della macchinetta del caffè, per reggere il suo stato di veglia (è in piedi dalle sei). Finito di bere, butta la testa all’indietro, provando a scrollarsi di dosso tutti i pensieri con quel gesto, come se fossero attaccati ai capelli. E si ferma.
Azzurro. Nemmeno una nuvola a perdita d’occhio.
A volte sembra quasi un lenzuolo, una coperta poggiata da Dio per proteggere il suo teatrino. Ma è così solo quando non ti fermi a guardare e a provare a capire la sfumatura di questo colore. Perché non è il colore del cielo, un tono dato dall’atmosfera terrestre, non è per niente un colore.
Lascia che entri attraverso i suoi occhi, lascia che i suoi occhi si immergano in questo mare di nulla. Perché è solo quando gli occhi cominciano a lacrimare per lo sforzo di vedere qualcosa, che capisce che non è un colore. Che capisce che è un illusione, una sua convinzione, un rifugio cromatico dall’infinito.
E solo allora l’infinito comincia a passare attraverso i suoi occhi, o forse -sicuro- è il contrario, andando a diluire inesorabilmente i problemi. E le preoccupazioni. E le lacrime. E le paure. Come una goccia di sangue in alto mare, come uno schizzo d’acqua nel Sahara. L’infinito, lentamente, ti annulla. Perché non lo puoi abbracciare, non lo puoi proprio abbracciare. Ruggero pensa che stanno tutti lì a ripetere noiosamente che l’azzurro e bello, quanto è bello il colore del mare. Pensa a quanto sia codardo dire così. In pochi si riferiscono al colore del cielo: perché nessuno lo guarda davvero, perché tutti hanno paura di svanire anche se, ad oggi, non c’è nulla che dimostri che non sia la sola fine possibile.
Ruggero pensa a tutte queste cose abbassando la testa, riportandola ad altezza d’uomo. A tanto così dal restare smarrito per sempre, seduto a farsi rapire dal cielo.

 

12/07/2009

 

Ciel

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fantasie, scritti giovanili e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...